Le locazioni brevi di più di 4 unità immobiliari dal 2021, una stretta per l’applicazione della cedolare secca.

C’è una importante novità nella legge di Bilancio 2021 riguardo le “locazioni brevi”. Infatti, tale legge ha definito una nuova fattispecie qualificatoria, ai fini tributari, dell’attività commerciale. Perciò, si presume l’esercizio dell’attività di impresa quando una persona fisica destina alla locazione breve più di quattro appartamenti nello stesso periodo d’imposta. In particolare, parliamo della dell’art. 1, comma 595 della legge di Bilancio 2021 n. 178/2020.

La diretta conseguenza è che: l’applicazione della cedolare secca è consentita solo in caso di destinazione a “di non più di quattro appartamenti per ciascun periodo di imposta”. Fermo restando tutto quanto già previsto dalle norme vigenti. In sostanza, se gli appartamenti sono più di quattro, si presume che l’attività sia svolta in forma imprenditoriale ai sensi dell’art. 2082 del codice civile (ovviamente anche se ci si avvale di di intermediari immobiliari o portali).

E’ facile intuire che l’introduzione di un elemento oggettivo del genere renderà più agevole il lavoro di ADE. Per contro è facile ipotizzare che le associazioni di categoria andranno a contrastare questo nuovo indirizzo. Tuttavia, è ormai chiaro che l’epoca del “business facile” nel settore degli affitti brevi è bello che tramontato. Il Covid 19 si è abbattuto sul settore, mentre era in atto una vera a propria mobilitazione di gruppi sociali (movimenti inquilini), enti locali, Agenzia delle Entrate verso un settore che fruiva di imposte sostitutive forse fin troppo allettanti, almeno per i proprietari di numerosi immobili. I discorsi su gentrificazione, tutela del consumatore, corretta imposizione fiscale della filiera pare indirizzino le norme verso un sistema più ordinato e più tassato. Il ciclo del settore affitti brevi è ad un punto di svolta, probabile che la conseguenza sarà anche una maggiore professionalizzazione degli operatori del settore, con più imprese e meno privati ed un conseguente aumento di gettito fiscale generato dal settore.

Contatti

info@ibuyercasa.it


Compila il form sottostante per richiedere una valutazione gratuita del tuo immobile

    Nome (richiesto)

    La tua email (richiesto)

    Cellulare (richiesto)

    Indirizzo immobile e dettagli

    Autorizzazione al trattamento dei dati personali ai sensi della legge 196/2003